Codici Arcani

I demoni, esseri onniscienti di pura oscurità, sono soliti dialogare con gli essere umani che ritengono più meritevoli trasmettendo loro parte dell’illimitato sapere di cui sono custodi.

Ovviamente i demoni non lasciano nulla al caso e non fanno niente senza essere certi di avere in cambio ciò che desiderano: per ottenere informazioni e insegnamenti il prezzo da pagare è altissimo. Chiunque si interessi alle arti arcane sa, o imparerà a proprie spese, che il corpo, la mente e l’anima di cui sono fatti saranno lentamente, inesorabilmente divorati dal demone in cambio di ogni nozione che verrà loro donata.

La trascrizione di queste nozioni, definite codici arcani e, nel corso dei secoli, il conseguente raggruppamento in tomi consultabili dai novizi, ha reso la pratica, quantomeno inizialmente, più avvicinabile, permettendo di proseguire negli studi arcani evitando la consunzione dei praticanti prima ancora di aver appreso come porsi di fronte ai demoni.

Questi antichi manuali custodiscono la maggior parte della conoscenza trasmessa dai demoni all’essere umano. I demoni non sono avversi a questa pratica, ne sono anzi lusingati e a volte l’agevolano scrivendo i codici essi stessi per mano dei cabalisti, in fondo per loro quei codici non sono che poca cosa e possono tornare utili per irretire nuovi adepti con cui potersi sfamare più avanti. Chi scrive sotto dettatura di un Demone lascia che questi assuma il controllo del suo corpo senza opporsi e rediga pagine e pagine di codici, simboli e frasi senza un apparente senso logico o in grafie incomprensibili. Questa operazione estenuante può richiedere giorni se non settimane. Ancora si celebrano le gesta di cabalisti amanuensi che hanno immolato le proprie vite continuando a lasciare il proprio corpo nelle mani del demone istruttore fino a farsi morire e oltre, quando il demone ha continuato a scrivere usando il cadavere in procinto di putrefarsi per portarea termine la sua opera.

Per poter padroneggiare i poteri arcani non basta però semplicemente possedere un Codice Arcano bisogna anche essere in grado di leggerlo: poiché il codice è stato scritto tramite il supporto di un demone solo un demone è in grado di poterne rivelare l’oscuro contenuto.

Anche su questo aspetto questi oscuri esseri si rivelano in tutta la loro nefasta scaltrezza: il loro sostegno è essenziale per scrivere questi voluminosi manuali e senza il loro supporto è impossibile individuare i passaggi essenziali per cogliere i loro Insegnamenti.

I codici arcani, classificati in base agli insegnamenti che possono trasmettere, sono degli artefatti rarissimi nella città di DemLoc e vengono custoditi gelosamente nella Biblioteca Arcana di ogni Gilda.

Tutti i mercenari in grado di comprenderli e di utilizzarne l’oscuro potere li bramano e sono soliti portare almeno una copia di questi oscuri testi durante le loro missioni per attingere dalla loro conoscenza e riversare sul campo di battaglia tutta la devastante potenza dei demoni e dei loro arcani precetti.

Inoltre, essendosi creato un legame unico tra il demone e lo stesso Codice, uno studio approfondito permetterà ai mercenari di reperire al suo interno le informazioni necessarie e richiedergli nuovamente di manifestarsi nella sua forma incarnata.

divider_full

divider_full